La storia ha inizio nel 1933, nella New York della Depressione, dove l’attrice di vaudeville Ann Darrow rimane disoccupata. In suo soccorso arriva il regista Carl Denham, che la convince a unirsi al suo sconclusionato progetto cinematografico con promesse di successo e denaro. Denham in realtà ha intenzione di risollevare le sue sorti girando un film ambientato nella inesplorata e selvaggia Skull Island. Sulla nave Venture sale anche il drammaturgo Jack Driscoll.Sbarcati sull’isola dopo un attracco di fortuna, la spedizione viene aggredita da una tribù di selvaggi e cerca di riprendere la via del mare, ma proprio in quel frangente Ann viene rapita per essere offerta in sacrificio a King Kong che la porta via con sé. Prende il via quindi il disperato tentativo di liberare Ann guidato da Jack, tra animali preistorici ed insetti giganteschi che seminano morte e disperazione. Ann viene liberata e con uno stratagemma architettato da Carl anche Kong viene catturato e presentato in un teatro di New York come “ottava meraviglia del mondo”.
La cattività non dura a lungo: Kong si libera dalle catene ed inizia a seminare terrore e distruzione per tutta New York fino a quando non rincontra Ann. Ma l’esercito americano è già alla sua caccia, Kong nel tentativo di sfuggire va incontro alla sua classica fine arrampicandosi sull’Empire State Building. Nel triste epilogo ricompaiono i biplani da guerra dell’originale: King Kong resiste abbarbicato in cima al grattacielo, riesce anche ad abbattere tre aerei, ma infine deve soccombere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here